giovedì 25 novembre 2010

Politica e logica: ovvero un test sintattico su Spinoza.

Questa volta non mi limito a citare le salaci battute raccolte dal sito Spinoza.it ma, il relazione all'effetto satirico e richiamato dallo stesso autore, ne voglio analizzare la struttura logica.
“Con Berlusconi arrestati 6.754 mafiosi”. A volte la sintassi della lingua italiana regala fugaci emozioni.
La domanda è: Con Berlusconi quale complemento indiretto forma??

Attenzione alla privacy!
Dalla risposta capirò le vostre tendenza politiche!

martedì 23 novembre 2010

Sarebbe l'aeroporto?

Apprendo da la Repubblica che l'aeroporto è quello di Gibilterra.
Pare che nessuno attraversi mai con il rosso!

venerdì 19 novembre 2010

L'utilità del nemico

"Occorre un nemico per dare al popolo una speranza. Qualcuno ha detto che il patriottismo è l'ultimo rifugio delle canaglie: chi non ha principi morali si avvolge di solito in una bandiera, e i bastardi si richiamano sempre alla purezza della loro razza. L'identità nazionale è l'ultima risorsa dei diseredati. Ora il senso dell'identità si fonda sull'odio, sull'odio per chi non è identico. Bisogna coltivare l'odio come passione civile. Il nemico è l'amico dei popoli. Ci vuole sempre qualcuno da odiare per sentirsi giustificati nella propria miseria. L'odio è la vera passione primordiale. E' l'amore che è una situazione anomala. Per questo Cristo è stato ucciso:parlava contro natura. Non si ama qualcuno per tutta la vita, da questa speranza impossibile nascono adulterio, matricidio, tradimento dell'amico... Invece si può odiare qualcuno per tutta la vita. Purché sia sempre là a rinfocolare il nostro odio. L'odio riscalda il cuore" 

Rachkovskij

martedì 16 novembre 2010

L'insospettabile uso del Reggae

Da Wikipedia >> La canzone Buffalo Soldier, scritta insieme da Bob Marley e King Sporty, apparve per la prima volta nell'album del 1983 Confrontation. Molti Giamaicani, specialmente Rastafariani come Marley, identificarono i Buffalo Soldiers come esempio di uomini neri illustri che agirono con coraggio, onore e distinzione in un campo dominato dai bianchi, perseverando nonostante il razzismo e il pregiudizio endemici.
Ma qui si va oltre la denuncia sociale!

domenica 14 novembre 2010

Ma io sto con Paola?!?

Intevengo nelle faccende di Paola Caruso, precaria del corriere della sera, che sta attuando uno sciopero della fame, per una sorta di empatica attrazione che ogni precario o ex sente verso i propri simili.
Paola si sente penalizzata ingiustamente dalle decisioni dell'azienda per cui ha lavorato 7 anni ed io sono qui a scrivere di lei per capire le sue ragioni. Sarebbe stato più facile, almeno per me, capire la medesima situazione in un contesto diverso, per un lavoro diverso, per una professionalità più comune, almeno meno impegnativa di giornalista, in una delle testate più importanti del nostro paese.
E' forse un po' populistico, ma qui la forza dei numeri è schiacciante: sono decine di migliaia i precari della scuola che quest'anno non hanno trovato un posto di lavoro. Gente abituata a vedersi licenziata ogni fine giugno, a fare code estenuanti ad agosto per elemosinare una cattedra magari in una scuola ghetto, dove il prof è considerato meno di una merda.
Ma capisco quell'amarezza, quel senso di impotenza che si prova, quel vuoto che si spalanca quando comprendi che non basteranno le tue competenze seppure ottime, non saranno sufficienti i tuoi sforzi benché immensi, inutile la tua tenacia di fronte all'arbitrio di una scelta che si fonda su altre logiche, su procedure a te estranee.
Capisco perché è una delle sensazioni più comuni che i giovani, almeno quelli di qualche talento, provano nel nostro paese ogni volta che si misurano con il mercato del lavoro, soprattutto quello di alcuni lavori.
Ma ogni volta siano qui tutti a cascar dal pero!! Sono solo io ad avere la sensazione che per lavorare in un giornale, casa editrice, università, per fare la libera professione (e chissà quanti altri mestieri ora non mi vengono in mente) ci va la raccomandazione giusta?!?
Guardiamoci attorno! Io intanto ci penso ancora un po' su .....  ma tu cara Paola non avere esitazioni: mangia! Alla faccia di chi vorrebbe negarti anche quel diritto!

Media Test





Conoscete queste persone? Domani proporrò questo quesito ai miei alunni. Potrebbe essere una sorta di test sull'affidabilità dei media italiani?

sabato 13 novembre 2010

Questione di prospettiva|

Accade che talvolta che la distinzione tra soggettivo e oggettivo non sia del tutto chiara e che sia altrettanto difficile definire il proprio punto di vista.
Questo video tenta di dare qualche spiegazione: "As we realise, we should always look at every angle of the story."
The Guardian: Points Of View

domenica 7 novembre 2010

Schola Armaturarum: cialtrona italia

Mi rendo conto che non è tanto da blog cool ritornare su una simile notizia ma più ci penso più mi indigno, quindi, se proprio non vi interessa, cliccate da qualche parte e cambiate blog.
Il fatto di Pompei, il crollo della Schola Armaturarum, è una specie di compendio per tutti coloro che da anni vanno sostenendo la cialtroneria italica.
E' uno di quei fatti emblematici di cui fra qualche giorno nessuno parlerà più ma che rimarrà lì, a imperitura memoria, di una società che non solo non salvaguarda la sua tradizione culturale ma che non ne tutela neppure il potenziale politico economico; come se qui da noi vi fosse da scialare.
Per un po' ci sarà il balletto delle responsabilità, ministero e assessorati vari faranno a gara nel spalarsi il giusto quantitativo di letame addosso e poi tutti amici come prima, il tempo necessario a che l'indignazione faccia posto alla nuova puttana del premier.
E via verso un nuovo crollo, meglio se prodotto da catastrofe naturale; almeno quelle colpiscono anche edifici e le aree non sottoposte a vincoli, sulle quali uno squalo ben introdotto saprà far affari a tutti.
Mi chiedo seriamente se siamo ancora in grado di custodire questi beni e spero che nel mondo qualcuno ci denunci per mancata custodia del Patrimonio dell'Umanità